· Città del Vaticano ·

Dal mondo

06 novembre 2021
Violenza nel sud del Cile Negli scontri di piazza ad Arauco, sud del Cile, sono morti due indigeni. Tre persone sono rimaste ferite e altrettante sono state arrestate. Arauco è un territorio simbolo dello scontro tra lo Stato del Cile e i Mapuche. Qui, dal 12 ottobre scorso, vige lo stato di emergenza. In un’altra regione del sud, l’Araucanía, è stato fatto deragliare un treno merci. Tre vagoni e una motrice sono stati dati alle fiamme. Gli autori del gesto restano sconosciuti. Ma il presidente cileno, Sebastián Piñera, ha confermato l’intenzione di chiedere al Parlamento una nuova estensione dello stato di emergenza nelle province meridionali. Uccise 4 attiviste in Afghanistan Ieri, a Mazar-i-Sharif, nel nord dell’Afghanistan, sono stati trovati senza vita i corpi di quattro attiviste. Fra questi, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno