· Città del Vaticano ·

Al posto giusto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 novembre 2021
Al posto giusto nel momento giusto. Aveva questo peculiare talento Virginia Cowles, la giornalista statunitense che cominciò la carriera come “reporter da strapazzo” per diventare poi un’eccellente corrispondente di guerra. Si trovava a Siviglia quando cadde la prima bomba, prodromo della guerra civile spagnola. L’occasione la colse al volo e “coprì” il conflitto, con arte egregia, in qualità di corrispondente del «Sunday Times». Prese parte, nel 1938, al raduno nazista di Norimberga, in occasione del quale, come ella stessa ebbe a confessare, provò «terrore» per l’adulazione crescente che i tedeschi tributavano «ad un certo Hitler». Era a Berlino il giorno in cui la Germania lanciò l’attacco contro la Polonia, a Helsinki quando la Russia fece scattare l’invasione ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno