· Città del Vaticano ·

Un saggio su ontologia e intersoggettività in Antonio Rosmini

Se l’uno è l’altro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 novembre 2021
Nel 2021 ricorre il ventesimo anniversario della nota della Congregazione per la dottrina della fede, firmata dall’allora cardinale Jo-seph Ratzinger, con la quale si dichiarano «ormai superati» i motivi che destavano preoccupazione circa diverse teorie filosofiche e teologiche di Antonio Rosmini. Si è giunti così, dopo un cammino lungo e certo non facile, al riconoscimento — coronato dalla sua beatificazione avvenuta nel 2007 — del coraggioso e profetico itinerario esistenziale e intellettuale del grande roveretano, luminoso esempio di incontro tra ragione e fede, come riconosciuto da Giovanni Paolo ii nella Fides et ratio (n. 74). Anche per questo, negli ultimi vent’anni sono rifioriti gli studi teologici intorno al pensiero del beato che hanno consentito una rinnovata intelligenza del suo contributo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati