· Città del Vaticano ·

Nei primi sei mesi del 2021

Oltre 460 bambini morti in Afghanistan a causa del conflitto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 novembre 2021
Kabul , 5. Nei primi sei mesi del 2021, in Afghanistan sono morti più di 460 bambini. Lo rivela l’Unicef. La causa? Il tremendo conflitto senza fine che affligge l’intero Paese. Un esempio drammatico proviene dalla cronaca degli ultimi giorni. In una casa di Kunduz è scoppiato un residuato bellico esplosivo. Sono morti nove membri di una stessa famiglia. Tra le vittime ci sono quattro bambine e due bambini. Altri tre piccoli sono rimasti feriti. L’ordigno sarebbe stato portato in casa proprio da una delle piccole vittime. Innocenti, inconsapevolmente fatali, i bambini giocano spesso con questi oggetti. L’Unicef lo ha segnala anche in riferimento all’Iraq: «tra gennaio e agosto 2021, le Nazioni Unite hanno registrato la perdita della vita di 35 bambini a causa di residuati bellici esplosivi in tutto il paese. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati