· Città del Vaticano ·

Ambiente e sviluppo

L’Angola sull’orlo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 novembre 2021
Di cambiamenti climatici si muore. E, in alcune regioni dell’Africa, per i cambiamenti climatici si muore di fame. È quanto sta avvenendo da anni, a causa delle carestie conseguenti alle crisi ambientali. Ha le dimensioni della tragedia quanto si sta consumando in Madagascar e in Angola, dove l’esodo dei pastori, per il moltiplicarsi degli allevamenti intensivi, sta ulteriormente aggravando la penuria di cibo, costringendo decine di migliaia di angolani ad abbandonare la propria terra, arsa dal protrarsi della siccità, per spingersi nella confinante Namibia, in cerca di acqua e cibo. Ad essere maggiormente esposta è, in particolare, la popolazione infantile: oltre 115.000 bambini sotto i cinque anni potrebbero non sopravvivere alle forme più acute di malnutrizione. Secondo il rapporto del Programma ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati