· Città del Vaticano ·

Un indispensabile granello di senape

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 novembre 2021
Da Milano, fermata in Venezuela e ritorno a Roma. È l’itinerario del padre rosminiano Marco Andrea Tanghetti, 56 anni, milanese, undicesimo preposito generale dell’Istituto della Carità (rosminiani). Tanghetti, in carica per il prossimo settennio, è stato eletto il 28 ottobre durante la congregazione generale elettiva riunitasi al Sacro Monte Calvario di Domodossola, tra la quiete delle Alpi piemontesi, nel medesimo luogo di 193 anni fa, «che ha per abitatori Dio e gli angeli», quando il beato Antonio Rosmini (1797-1855) fondò l’Istituto della Carità. «È stata una totale sorpresa», spiega il nuovo preposito: «Quando sono arrivato in Italia dal Venezuela per il capitolo, il vicario generale mi ha chiesto più che altro di aiutare per le traduzioni. Pensavo che il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati