· Città del Vaticano ·

Si apre l’Anno scalabriniano

Il mondo è la patria dell’uomo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 novembre 2021
Era il 9 novembre 1997 quando Giovanni Paolo ii , durante l’omelia della beatificazione di Giovanni Battista Scalabrini (1839-1905), lo definì uno che «seppe tradurre la contemplazione di Dio e del suo mistero in una intensa azione apostolica e missionaria, facendosi tutto a tutti per annunciare il Vangelo». A quasi venticinque anni, i suoi missionari, le suore missionarie e le missionarie secolari vogliono dedicare un anno (7 novembre 2021 - 9 novembre 2022) a promuovere la conoscenza e la devozione nei confronti di Scalabrini. Le celebrazioni (aggiornamenti sul sito www.scalabriniani.org) prenderanno il via da Como, sua provincia di nascita, nel primo fine settimana di novembre con una tavola rotonda e due celebrazioni eucaristiche con la partecipazione dei migranti. Sarà poi la volta di luoghi-chiave quali ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati