· Città del Vaticano ·

La Chiesa di Torino apre due strutture destinate ad accogliere migranti e persone in difficoltà

Spazi connessi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
Due nuove strutture, appartenenti alla provincia italiana dei missionari di Nostra Signora de La Salette, destinate all’accoglienza temporanea di migranti e persone in difficoltà sono da poco operative nel quartiere Parella, a Torino. La prima ospita 62 rifugiati, mentre la seconda offre ospitalità a 65 persone in difficoltà, grazie all’iniziativa promossa dall’arcidiocesi piemontese. Si tratta di un hub sociale denominato “Spazi Connessi” in grado di accogliere coloro che con l’arrivo della pandemia hanno visto peggiorare le loro condizioni di vita. «Connessi è la vocazione di questo luogo e dei progetti che in esso sono nati e nasceranno: non è un giardino chiuso per pochi fortunati — ha ricordato l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia — ma un parco aperto per far camminare il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati