· Città del Vaticano ·

La stanza del santo

Quella luce che avvolse la camera

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
Carlo, quel “citto” nato cardinale. Nacque nell’avito castello detto comunemente la Rocca di Arona (Novara), sulla sponda piemontese del lago Maggiore, la notte del 2 ottobre 1538, festa dell’angelo custode. Lui è Carlo Borromeo (figlio di Giberto ii Borromeo e Margherita Medici di Marignano, sorella di Papa Pio iv ), futuro arcivescovo di Milano. A sette anni, il 13 ottobre 1545, ricevette l’abito e la tonsura dal vescovo di Lodi, Giovanni Simonetta, nella chiesa di San Giovanni alle Quattro Facce di Milano (demolita nel 1786, situata nell’attuale piazza dell’Amore). Si narra che il momento della nascita di san Carlo, di cui il 4 novembre ricorre la memoria liturgica, fosse stato caratterizzato da un evento miracoloso: a un tratto la stanza poco illuminata, dove era distesa nel letto mamma Margherita, fu coperta da una dolce ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati