· Città del Vaticano ·

L’avventura della fede

“Mama Kaba” tra le montagne Kachin

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
«Per la Chiesa, le anime e per i miei Katcini». Con queste parole, il 20 settembre 1946 madre Francesca Zappelli lasciò la vita terrena, dopo aver lottato invano contro le febbri malariche. Ad assisterla, nei suoi ultimi istanti, c’erano le sue consorelle e due religiosi. Alla notizia della sua morte, i parrocchiani accorsero da tutti i villaggi per dimostrare la loro riconoscenza: con lei se ne andava infatti una figura di grande spessore nella vita missionaria di un angolo di Asia martoriato da guerre e repressioni, sangue e dolore. Francesca nacque il 10 dicembre del 1908 a Foligno, quinta di 9 figli di Oreste Zappelli e Maria Paolucci. Al battesimo le diedero il nome di Agnese Teresa. La futura missionaria perse in giovane età l’amato padre e con la famiglia si spostò a Villanuova di Trevi, dopo aver ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati