· Città del Vaticano ·

Il beato Manuel Lozano Garrido

La macchina da scrivere di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
«Ciò che si vede è un mondo come in bilico, e visto che lo stiamo guardando da una finestra tonda si nota subito la verità della tua offerta nei confronti degli uomini, quella sensazione di un cielo con gradini in cui tutti salgono dando la mano a un fratello maggiore». Parole di ieri che sembrano scritte domani, perché quando le parole sono rivolte al Signore, proprio come quelle del beato Manuel Lozano Garrido — di cui ricorre oggi il cinquantesimo anniversario della morte — appartengono all’eternità. Le aveva impresse in uno dei suoi ultimi articoli, quando ormai privato della vista e dell’uso delle mani, il suo sguardo da giornalista del quotidiano e da scrittore dell’Infinito era ancor più fisso al Paradiso e le sue mani avevano già accarezzato le nuvole del Cielo, pagine ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati