· Città del Vaticano ·

«Care Selve» di Aline Nari

Il luogo dove incontrare il cuore

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 novembre 2021
Nell’estate appena trascorsa, la partecipazione a uno spettacolo particolarmente originale, intitolato Care Selve, è stata l’occasione per incontrare l’ideatrice Aline Nari, danzatrice, coreografa, regista e studiosa, che lo ha realizzato con il tenore Marco Mustaro. Le ho chiesto com’è nata l’idea di una rappresentazione artistica ove canto e danza si sono così suggestivamente intrecciati. «Una musica può essere colore, odore, corpo, sentimento, visione. Care Selve, uno spettacolo di danza, canto e parola è partito così, da un ascolto che apre al desiderio, e adesso in tournée in teatro e in spazi naturali. Nell’omonimo brano di Handel, la voce di Eidé Norena, soprano norvegese nata nel 1884, ripete variando come in un volo: “Care selve, ombre beate, io vengo a voi in traccia ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati