· Città del Vaticano ·

La poesia di lode

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 novembre 2021
Prima di tutto mettersi “in ascolto”  Con il primo piano di oggi ritorna il tema della poesia della lode. È un ritorno perché già in precedenza questo giornale ha voluto offrire al lettore l’occasione di fare l’esperienza della lettura di componimenti poetici (anche quando sono scritti “in forma di prosa”) dedicati alla dimensione della contemplazione della realtà, del creato, dell'esistente e quindi della riconoscenza e della gratitudine. In un precedente primo piano avevamo sottolineato come quello attuale fosse «il momento della parola, della narrazione, della poesia, questo dono che permette agli uomini di raccontare il male dandogli un senso e, così facendo, di attraversarlo e superarlo. Ecco perché nelle pagine del giornale di oggi largo spazio viene dato alla poesia e a quel ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati