· Città del Vaticano ·

Povertà e insicurezza attanagliano Haiti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 novembre 2021
Port-au-Prince , 2. Da mesi gli haitiani — che devono ancora riprendersi dal sisma del 2010 e dall’uragano Matthew del 2016 — si trovano in grandi difficoltà a causa della insicurezza alimentare, degli effetti del devastante terremoto del 14 agosto scorso, della violenza delle bande nelle strade, della diffusione della pandemia di covid-19 e dei disordini politici generati dall’assassinio, a luglio, del presidente, Jovenel Möise. Quasi un 1,1 milioni di persone sono malnutrite, tra cui centinaia di migliaia di bambini. Secondo le stime, già prima del terremoto di agosto — di magnitudo 7,2 sulla scala Richter, che ha provocato oltre 1.300 vittime e migliaia di feriti — più di 1,1 milioni di persone ad Haiti (comunemente considerato come il più povero dei Paesi dell’emisfero occidentale) erano sull’orlo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati