· Città del Vaticano ·

Ufficio oggetti smarriti

La madre di Pirandello

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 novembre 2021
I morti sono vivi. Ogni anno, quando arriva il 2 novembre, penso che “ricordare i morti” è una frase che non mi convince. Il ricordo è, volenti o nolenti, legato a un’idea di assenza. Si ricorda chi non c’è. I morti sono altro dall’assenza, l’esatto opposto direi. La presenza più forte, più irriducibile, è proprio la loro. L’ascolto dei morti, quando riusciamo ad affinarlo, diventa un quotidiano chiacchierare. Quasi un appuntamento per un caffè. Ne troviamo esempio in un piccolo e dimenticato film dei fratelli Taviani, quel Kaos (1984) che, ispirato a Quattro novelle per anno di Luigi Pirandello, culmina in un quinto episodio (immaginato dai registi ma ispirato alla novella Una giornata — Colloquio con la madre). Colloquio con la madre, girato tra Lipari e Salina, mostra Pirandello ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati