· Città del Vaticano ·

Ricreare il tessuto sociale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 ottobre 2021
«La burocrazia è il peggior nemico dello sviluppo. Sono trascorsi cinque anni dal sisma e la gente è stanca di aspettare una ricostruzione che tarda a essere completata. Bisogna intervenire in maniera concreta e puntare alla ricostruzione sociale. La Chiesa sta compiendo sforzi enormi per garantire un sostegno fisico e spirituale, ma non basta. Se poi si aggiunge la pandemia e le lungaggini, la situazione si complica ancora di più»: è quanto spiega al nostro giornale monsignor Francesco Massara, arcivescovo di Camerino - San Severino Marche e vescovo di Fabriano-Matelica, in merito allo stallo in cui si trovano i centotrenta paesi del Maceratese colpiti il 30 ottobre 2016 dal terremoto che provocò ingenti danni alle abitazioni e al patrimonio artistico. Il presule si dice preoccupato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati