· Città del Vaticano ·

Un convegno all’Istituto Seraphicum

La pandemia secondo Teilhard de Chardin

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 ottobre 2021
«Il male è un inevitabile sottoprodotto della creazione». «La vita non si eleva che mediante la sofferenza e attraverso il male». Attraverso queste frasi tratte dai suoi scritti, possiamo forse dedurre cosa avrebbe pensato della crisi pandemica il sacerdote e scienziato francese Pierre Teilhard de Chardin. Per lui, infatti, ogni male era una sofferenza divisiva, ma anche un passo verso l’unificazione del genere umano. In fondo, è stato proprio così, perché questa crisi sanitaria ha fatto comprendere quanto il genere umano sia interconnesso e come solo uno sforzo comune possa condurre alla soluzione del problema e alla salvezza. A 140 dalla sua nascita, l’Associazione italiana Teilhard de Chardin ha organizzato all’Istituto Seraphicum, dal 6 al 7 Novembre, un convegno che intende ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati