· Città del Vaticano ·

In memoria di Angelica Kaufmann

L’ultimo passaggio tra le strade di Roma della “pittrice delle grazie”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 ottobre 2021
Alle ore 14.30 di giovedì 5 novembre 1807, all’età di 66 anni, passò agli eterni riposi Angelica Kauffmann, da tutti conosciuta come “la pittrice delle grazie”. La triste notizia si diffuse in breve tempo tra le strade di Roma. Gli artisti e i letterati, che frequentarono il salotto di via Sistina in Trinità dei Monti e gli abitanti del rione, che le vissero accanto per 25 anni, piansero la sua scomparsa. Amata e stimata da chi ebbe il privilegio di conoscerla, Angelica fu tratteggiata dalle cronache contemporanee come artista capace ed erudita, in grado di impressionare persino il filosofo tedesco Johann Gottfried Herder, che la definì «forse la donna più colta d’Europa». Ebbe le «più belle doti dell’animo», fu gentildonna devota, modesta e caritatevole, tanto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati