· Città del Vaticano ·

La denuncia di Msf: nell’isola manca il carburante

La crisi senza fine di Haiti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 ottobre 2021
Port-au-Prince, 29. Ad Haiti manca il carburante. Lo denuncia Medici Senza Frontiere, che sta riscontrando seri problemi nell’accesso alle strutture mediche e al loro funzionamento. Lo staff medico si è visto costretto a limitare l’ingresso nell’ospedale traumatologico di Tabarre, a Port-Au-Prince, ai soli casi di emergenza. «Senza benzina non possiamo portare avanti le attività ospedaliere», dichiara Kanouté Dialla, responsabile dell’ospedale di Tabarre di Msf, «questa situazione non è sostenibile nel lungo periodo. Il nostro ospedale è l’unica struttura specializzata nel trattamento di ustioni gravi ad Haiti». Oggi solo il 10% dello staff di Msf è operativo. Dal carburante fino alla rete elettrica e all’acqua. Il Paese è bloccato. Il trasporto delle forniture ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati