· Città del Vaticano ·

Negli Stati Uniti e in Asia cresce la spinta contro le coltivazioni industriali

L’agricoltura naturale primo passo per il cambiamento

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 ottobre 2021
Musanobu Fukuoka ha scritto che quando cambiamo il modo di coltivare il nostro cibo, cambiamo il nostro cibo, cambiamo la società, cambiamo i nostri valori. Oggi sta giungendo l’epoca delle rivalutazioni, dei cattivi presentimenti, per cui, secondo Fukuoka, si potrebbe sempre più sperimentare il ritorno alla fonte, all’agricoltura non solo sostenibile, ma naturale: per esempio utilizzando la cenere della legna e altri rifiuti organici per i piccoli orti, ma anche per la coltivazioni di riso, a volte invase dai ragni. In attesa di Glas-gow e del g 20 sul clima, sono molti i settori che stanno iniziando un profondo ripensamento e fra questi c’è soprattutto il settore agricolo. Per esempio, una trasformazione è in atto nell’agricoltura e in particolare nelle fattorie più avanzate degli Stati Uniti, come ci ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati