· Città del Vaticano ·

L’esempio delle Comunità nate in Italia

Fatti concreti sulla spinta della «Laudato si’»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 ottobre 2021
L’idea delle Comunità Laudato si’ nacque ad Amatrice, nella distruzione dei primi mesi dopo il terremoto del 2016, quando Carlo Petrini, accompagnato del vescovo di Rieti Domenico Pompili, si recò in visita nelle zone colpite dal sisma. Lo sfacelo di quella tragedia, chiedeva di guardare con occhi nuovi il rapporto tra uomo e ambiente e le ragioni della Laudato si’ di Papa Francesco. Un’enciclica che invoca una diversa relazione con la natura, a oltre sei anni dalla pubblicazione oggi più che mai attuale, anche alla luce della pandemia che stiamo vivendo, che ci ha riportati prepotentemente con i piedi per terra. Nel 2018 l’idea viene concretizzata e definita, e le Comunità nascono gradualmente in tutta Italia, per diffondere il pensiero che anima l’enciclica di Papa Francesco e trasformarlo in azioni e modi di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati