· Città del Vaticano ·

Ritratti di 14 attiviste in una mostra all’Onu

Donne per la pace

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 ottobre 2021
È giovane e ha un’espressione mite sul viso, indossa vestiti tradizionali e porta il velo, ma ciò non le ha impedito di battersi in favore dell’autonomia delle donne nello Yemen, un Paese martoriato dalla guerra e dove si vive una crisi umanitaria tra le più gravi al mondo. È Ola al-Aghbary, la fondatrice della Sheba Youth Foundation for Development, un’organizzazione della società civile impegnata a realizzare cambiamenti di sviluppo sociale utilizzando strumenti tecnologici, social media e capacità di imprenditoria sociale, attraverso la creazione di partnership con varie agenzie locali e internazionali. Il nome che Ola ha scelto per la sua organizzazione è quello di una delle civiltà più antiche e prospere dello Yemen, la civiltà del Regno yemenita di Saba, che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati