· Città del Vaticano ·

Ecologia integrale

Taizé chiama Glasgow

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 ottobre 2021
Sulla mappa, il villaggio di Taizé, in Francia, e la città di Glasgow, in Scozia, distano circa 1.480 chilometri. Un dato geografico che può sembrare aneddotico ma che risulta invece molto rilevante per i due fratelli della comunità ecumenica che si recheranno in Gran Bretagna a inizio novembre in occasione della 26° Conferenza delle Nazioni unite sul clima di Glasgow. Infatti, da anni impegnati nella protezione del Creato, i fratelli hanno rinunciato a utilizzare l’aereo per i percorsi inferiori a 1.500 chilometri. Ecco perché fratel Matthew, nativo dal nord dell’Inghilterra ma presente a Taizé da 35 anni, e fratel Sébastien, di origine neerlandese e da anni impegnato nella transizione ecologica, viaggeranno in treno per rispondere all’invito diramato da Glasgow Churches together, il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati