· Città del Vaticano ·

Facce belle della Chiesa

Il prete dei Q’eqchi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 ottobre 2021
Gli occhi di un azzurro penetrante e vivace mostrano l’indomita passione di un ventenne. E invece, lui, don Giuseppe Leo, missionario salesiano, ha già passato i 70. La corporatura solida, allenata da lunghi percorsi tra campagne e villaggi, richiama una robusta vecchia quercia. Da quarant’anni passa da un paese all’altro del centro America annunziando il Vangelo e servendo i poveri. «Perché disgiungi queste due cose? Servire i poveri è annunciare il Vangelo! Non riesco ad immaginare la mia vita diversa da come è stata». E come è stata? «È stata un’avventura continua. In cui la mia volontà si è tante volte incontrata — e anche scontrata — con quella dello Spirito. Ovviamente ha sempre avuto la meglio lui. E di questo non posso che ringraziare il Signore. Credo di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati