· Città del Vaticano ·

Dal mondo

27 ottobre 2021
Cyberattacco in Iran In Iran un cyberattacco ha colpito l’intero sistema che regola i distributori di carburante sovvenzionati dallo Stato. La conferma è arrivata direttamente dal Consiglio supremo di Sicurezza nazionale. Ieri, in tutto il Paese, per quasi l’intera mattinata, i distributori di carburante sono risultati inagibili. L’attacco fa seguito a una serie di proteste, iniziate nel 2019, per l’aumento dei prezzi della benzina. Proprio ieri il ministro dell’interno, Ahmad Vahidi, aveva affermato che non era previsto alcun piano per alzare ulteriormente i prezzi del carburante, invitando la popolazione a non preoccuparsi. Tuttavia, ciò non ha impedito l’attacco hacker. Così, sugli schermi luminosi delle autostrade iraniane, sono comparse frasi indirizzate alla massima autorità della Repubblica islamica, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno