· Città del Vaticano ·

La testimonianza di don Jorge Crisafulli tra i reclusi della Sierra Leone

A Pademba Road si fidano di don Bosco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 ottobre 2021
Si chiama «Inocencia entre rejas» (“Innocenza dietro le sbarre”) la nuova campagna promossa dalla procura Misiones Salesianas che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione internazionale sullo stato di abbandono e di degrado nel quale versano centinaia di carceri in tutto il mondo, e in particolare quello di Pademba Road, a Freetown, in Sierra Leone, dove sono reclusi circa 2.000 persone, molte delle quali adolescenti. La prigione è sì a Freetown, ma potrebbe trovarsi anche all’inferno, poiché i detenuti vivono stipati in celle piccole e anguste, quasi senza cibo, acqua, luce o accesso all’assistenza sanitaria. Ma la cosa forse peggiore è che a Pademba Road insieme agli adulti sono reclusi anche bmbini, accusati di reati di poco conto, a volte anche banali, come per esempio camminare di notte da soli ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati