· Città del Vaticano ·

Il cinema

Facce sporche

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 ottobre 2021
Colti in flagrante durante un furto, Rocky e Jerry, due giovani ladruncoli, cercano di sottrarsi alle grinfie della polizia e si danno alla fuga. Jerry è più veloce e riesce a scappare, Rocky è più lento e viene preso. Nel capolavoro del regista Michael Curtiz, Gli angeli con la faccia sporca (1938), il protagonista è il contrasto, dal potere catartico, tra la luce e l’ombra. In ciascuno di noi c’è un angolo in cui risiedono, insidiose, le tenebre. Ma vi sono anche recessi in cui giace, pronta ad emergere, l’eroica tensione al gesto che redime. Angeli con la faccia sporca, appunto. Dopo quell’episodio Jerry decide di farsi prete e si dedica ai giovani di un quartiere povero di New York per impedire che finiscano come Rocky. Questi, uscito dal riformatorio, viene irretito nel vortice della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati