· Città del Vaticano ·

Doni alle città

Cura per ciò che appartiene a tutti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 ottobre 2021
Undici anni di vita, tremilacinquecento volontari, settemila iscritti e oltre diciottomila ore annuali di lavoro donate alla città. Sono questi solo alcuni dei numeri che caratterizzano Angeli del Bello, la fondazione nata, per l’appunto, nel 2010, a Firenze, con uno scopo ben preciso: contribuire al risveglio del senso civico di tutta una comunità, attraverso la cura degli ambienti pubblici. Dalla rimozione delle scritte vandaliche sul Ponte Vecchio, passando per la rigenerazione delle zone maggiormente periferiche, fino alla manutenzione dei giardini e degli altri spazi verdi, le attività del foltissimo gruppo fiorentino sono, tuttora, inarrestabili. E, man mano, hanno davvero instillato nei residenti e sì, pure nei visitatori, una coscienza improntata alla salvaguardia di quei beni che, alla fine, a tutti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati