· Città del Vaticano ·

Il libro di Nathalie Gondard «C’è vita senza la plastica»

Si fa presto a dire ricicliamo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 ottobre 2021
Si fa presto a dire “ricicliamo”. In realtà, almeno per quanto riguarda la plastica, non c’è termine più ambiguo. Allo stato attuale, il pieno riutilizzo di questo materiale, nella quasi totalità delle sue varianti, non è realizzabile. Con buona pace di chi, con encomiabile senso civico — che va comunque incoraggiato — la sera scende di casa, raggiunge il cassonetto della spazzatura, e con pazienza separa bottiglie, piatti, confezioni e cellophane dagli altri scarti. Non si tratta di rivelazione assoluta: la questione di tanto in tanto affiora, con un certo imbarazzo, nelle conversazioni fra esperti del settore. Adesso, a metterlo nero su bianco, con spiegazioni scientifiche che raramente trovano spazio nei grandi organi di informazione, è anche Nathalie Gontard, una delle maggiori esperte a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati