· Città del Vaticano ·

La comunità per minori disagiati Villa San Francesco rende omaggio al beato Rosario Livatino

Mattone del mondo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 ottobre 2021
Un mattone di vetro, con dentro un pugno di terra proveniente da 199 Paesi del mondo, come simbolo della comune origine e appartenenza dell’umanità. È quello che il 13 settembre scorso è stato deposto a Canicattì, in provincia di Agrigento, sulla tomba di Rosario Livatino, il “giudice ragazzino” assassinato dalla mafia il 21 settembre 1990, beatificato il 9 maggio di quest’anno e venerato dalla Chiesa come martire. A portarlo fino a lì è stata la staffetta ciclistica che ha attraversato l’Italia in 19 tappe per 1.500 chilometri: partita da Feltre, in provincia di Belluno, è arrivata a destinazione passando per Venezia, Ravenna, Assisi, Roma e, poi ancora, per la costa tirrenica meridionale, Messina e Catania. L’iniziativa è stata realizzata dalla comunità per minori disagiati ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati