· Città del Vaticano ·

«Leggeva nell’anima come in un libro»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 ottobre 2021
Il grande starec Amvrosij di Optina (1812–1891) insegnò e testimoniò costantemente con la sua stessa vita che «il frutto della vera preghiera è l’umiltà e l’amore verso il prossimo». Fu canonizzato dal sinodo locale della Chiesa ortodossa russa nel 1988 e la sua memoria viene celebrata il 23 ottobre, giorno della sua morte (10 ottobre secondo il calendario giuliano). Aleksandr Michajlovič Grenkov nacque il 5 dicembre 1812 a Bolshaya Lipovitsa. Il padre, Mikhail Fyodorovich Grenkov, apparteneva al clero minore: era infatti lettore in una parrocchia del villaggio nel governatorato di Tambov. La madre, Marfa Nikolayevna Grenkova, diede alla luce il piccolo nel giorno della festa parrocchiale, mentre le strade erano gremite di contadini giunti anche da località vicine. «Io sono nato nella ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati