· Città del Vaticano ·

L’amore e il pregiudizio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 ottobre 2021
Un esempio di Ospedale da campo, per dirla con Papa Francesco. Una chiesa, cioè, che ha la capacità di partire dagli ultimi e di curare le ferite. E’ la parrocchia S. Gregorio Magno, nel cuore della Magliana, un quartiere periferico a sud di Roma, che, da decenni, è impegnata nell’accoglienza e nell’integrazione degli ultimi degli ultimi: i rom. L’unica parrocchia della Prefettura che, attraverso il centro di ascolto e i progetti, si adopera per l’integrazione e per abbattere i pregiudizi e l’indifferenza nei confronti di questa comunità. Don Stefano Meloni, parroco da due anni, questa comunità la conosce bene. Per venti anni, infatti, parroco di Santa Maria della Misericordia, si è occupato del campo di via Gordiani, nel quartiere Prenestino. «Il campo era casa mia e la parrocchia casa ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati