· Città del Vaticano ·

Ancora rapimenti di donne e bambini ad Haiti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 ottobre 2021
Port-au-Prince , 23. Settantuno donne e trenta bambini sono stati rapiti ad Haiti nei primi otto mesi dell’anno. L’allarme è dell’Unicef. Secondo l’ente delle Nazioni Unite l’incremento avviene in un contesto di degrado e di violenza soprattutto nell’area di Port-au-Prince. L’ondata di rapimenti evidenzia l’aumento del potere delle bande, che le forze dell’ordine non riescono a contenere. Nel mese di aprile erano intervenuti anche i vescovi haitiani denunciando quella che loro stessi hanno definito la “dittatura del rapimento”: «Non dobbiamo lasciare ai banditi il potere di ucciderci, stuprarci e rapirci. Dobbiamo unirci nella preghiera per ottenere un Paese migliore» avevano scritto in una nota invitando i sacerdoti, i religiosi e gli operatori pastorali ad «accompagnare e mantenere il popolo di Dio nella ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati