· Città del Vaticano ·

L’arcivescovo di Canterbury su finanza e ambiente

«Uno solo è il corpo»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 ottobre 2021
Londra, 22. Come possiamo convincere le persone a fare scelte, più difficili, che si concentrino non solo sul ritorno finanziario ma costruiscano relazioni e generino risultati reciprocamente vantaggiosi per gli individui e il pianeta? Come può la maggioranza mondiale accedere al capitale globale? Come allineiamo moralità e convenienza? Sono alcune delle domande che l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, primate della Comunione anglicana, ha posto mercoledì sera durante una cena a Lambeth Palace alla quale era presente, fra gli altri, il sindaco di Londra, Sadiq Khan. La risposta cristiana — ha detto Welby — si trova nella Prima lettera ai Corinzi: «Invece molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Non può l’occhio dire alla mano: “Non ho bisogno di te”; oppure la testa ai piedi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati