· Città del Vaticano ·

L’Italia cerca un rilancio nel Mediterraneo

Il nodo delle infrastrutture per valorizzare i porti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 ottobre 2021
Senza barca non si naviga, dicono i marinai. Allo stesso modo, senza porti non si traffica. Ma soprattutto, senza porti, oggi, non si vive. Un dato serve a coglierne l’importanza: il 90% delle merci viaggia via mare. Eppure, in Italia di porti si parla poco. Il tema sta rimbalzando sui media negli ultimi giorni per le proteste dei portuali di Trieste contro il green pass. In realtà, la questione è sterminata quanto trascurata. Gli attori in scena sono molti: l’Europa e il Mediterraneo, l’Italia con le sue infrastrutture, gli orientali, esperti commercianti e aspiranti protagonisti. Le onde sono agitate dalla cronaca: crisi dei semiconduttori, pandemia, cargo in attesa nei porti. Insomma, meglio armarsi di taccuino e indossare un salvagente. Prima domanda: quanto vale il trasporto marittimo in Italia? «Nel 2020 il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno