· Città del Vaticano ·

Con i talebani ma senza gli Stati Uniti

Conferenza a Mosca sull’Afghanistan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 ottobre 2021
Mosca , 20. La diplomazia internazionale è al lavoro per cercare una soluzione alla grave crisi in Afghanistan, ferita aperta nel cuore dell’Asia centrale sempre a rischio d’infettarsi con nuovi (o vecchi) estremismi. A Mosca prende il via oggi l’attesa conferenza della cosiddetta “troika allargata”, la piattaforma che include Russia, Cina, Stati Uniti e Pakistan. Washington, però, ha deciso ieri di non prendere parte al vertice, dove invece sarà presente una delegazione dei talebani. Domani si prosegue con il “Formato di Mosca», che raccoglie i principali leader politici dell’area (sono attesi dieci Paesi in tutto). La delegazione talebana è guidata dal vice primo ministro del governo provvisorio, Abdul Salam Hanafi. Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, aprirà il summit, assistito ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati