· Città del Vaticano ·

Isaac Jogues, il gesuita martirizzato quattro secoli fa in Canada

Mite con i suoi carnefici

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 ottobre 2021
«Vi prego di raccomandarmi alla croce... perché non respinga un cittadino della croce. Sono infatti nato in una città la cui chiesa cattedrale è dedicata alla santa croce». Queste parole del padre Isaac Jogues (1607–1646) riassumono tutta la sua esistenza. Per le persecuzioni, le fatiche, le torture ed il martirio affrontati ed offerti con un coraggio ed un amore invincibili, egli fu davvero un eroico «citoyen de la croix». Canonizzato dal Papa Pio xi il 29 giugno 1930, viene ricordato il 19 ottobre insieme ad alcuni suoi confratelli, i santi martiri canadesi. Grazie alle lettere e alle Relazioni che ci ha lasciato, è possibile seguire nel dettaglio la sua vicenda e conoscere perfino gli intimi moti del suo animo. Di fatto, i suoi scritti rappresentano la singolare “Storia di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati