· Città del Vaticano ·

Dopo il risultato delle elezioni legislative

Incertezza politico-istituzionale in Iraq

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 ottobre 2021
I risultati parziali delle elezioni legislative irachene, diffusi dalla Commissione elettorale, offrono un quadro incerto sul futuro del Paese mediorientale. Il Movimento sadrista, guidato dal religioso iracheno sciita Muqtada al-Sadr, è giunto al primo posto, con 73 seggi sui 329 dell’Assemblea legislativa, ma non ha ottenuto la maggioranza assoluta. Dietro ai populisti di al-Sadr si è piazzato il Partito del progresso, nazionalista, con 41 seggi mentre al terzo posto è giunta la Coalizione dello stato di diritto dell’ex primo ministro Nouri al-Maliki, con 37 seggi. Il Partito democratico del Kurdistan, nazionalista e progressista, si è fermato a 37 scranni. L’Alleanza della conquista, legata ai gruppi militari pro-iraniani, è stata ridimensionata perdendo dozzine di seggi e si è rifiutata di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati