· Città del Vaticano ·

Il cardinale Semeraro ha beatificato a Córdoba don Juan Elías Medina e 126 compagni martiri

«Prima di voi ha odiato me»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 ottobre 2021
È un gruppo di martiri composto da «una varietà di profili umani», di «una ricchezza e profondità di spiritualità, talvolta anche con profonde radici nelle scienze teologiche», espressa nella «molteplicità dei vissuti quotidiani, prima di raggiungere la vetta del martirio il quale sigilla con il sangue tutta l’esistenza». Lo ha sottolineato il cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, durante la beatificazione di don Juan Elías Medina e 126 compagni martiri: sacerdoti, seminaristi, religiosi e fedeli laici della diocesi di Córdoba, uccisi durante la guerra civile spagnola. Il rito, presieduto dal porporato in rappresentanza di Papa Francesco, si è svolto nella cattedrale della città andalusa, sabato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati