· Città del Vaticano ·

Frontex: +87% nel Mediterraneo e +117% nei Balcani

Muri e restrizioni non fermano chi fugge da povertà e guerre

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 ottobre 2021
Bruxelles, 16. Cresce il numero di quanti cercano di raggiungere in Europa la salvezza dalla fame e dalla guerra. L’agenzia Frontex ha pubblicato ieri i dati sugli attraversamenti delle frontiere. Nei primi nove mesi dell’anno, la rotta del Mediterraneo centrale è stata percorsa da 47.620 persone. L’aumento è dell’87% rispetto allo stesso periodo del 2020. Con riferimento ai Balcani occidentali, invece, l’incremento è stato del 117% (40.200 persone). Secondo l’agenzia, i rifugiati che percorrono la rotta del Mediterraneo occidentale giungono principalmente da Tunisia, Bangladesh ed Egitto. Dall’altro lato, i Balcani sono interessati dai cittadini provenienti da Siria, Afghanistan e Marocco. Nelle ultime ore Ungheria e Serbia hanno inviato delle pattuglie per controllare il confine. Poi, ieri nel mare spagnolo si ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno