· Città del Vaticano ·

La delicata opera diplomatica a difesa dei beni e delle comunità da perquisizioni e rastrellamenti

La città aperta e la tutela della Santa Sede

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 ottobre 2021
La situazione di quanti vivevano a Roma durante l’occupazione tra ottobre 1943 e 4 giugno 1944 è stata oggetto di molti studi, eppure mancano ancora dei tasselli. L’Archivio Apostolico Vaticano consente ora di fare maggiore chiarezza su vari aspetti, attraverso il fondo della Commissione soccorsi della Segreteria di Stato. Tra l’altro, qualche dettaglio documentario illustra il clima di apprensione ancora presente in città nel periodo immediatamente successivo alla liberazione, come pure quanto veniva soppesato con attenzione “al di là del Tevere”. È noto che dai primi di ottobre 1943 erano stati distribuiti dei cartelli bilingue, in italiano e in tedesco, con timbro del generale Stahel, per salvaguardare edifici legati in qualche modo alla Santa Sede. Dopo il testo in tedesco, l’avviso in italiano ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati