· Città del Vaticano ·

Ambiente

Una “bomba” ecologica al largo dello Yemen

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 ottobre 2021
Allarme sempre più esteso nel Mar Rosso per una enorme petroliera in avaria da anni vicino alle coste dello Yemen, in procinto di affondare con a bordo una potenziale “bomba” ecologica: ben 1,1 milioni di barili di petrolio. L’imbarcazione — la Fso Safer, costruita nel 1976 e lunga oltre 350 metri, tra le più grandi petroliere al mondo — è stata abbandonata in mare aperto nel 2017 a causa di danni irreparabili e mese dopo mese ha continuato a deteriorarsi. La guerra in corso da più di sei anni nello Yemen ne ha impedito la messa in sicurezza, peggiorando la già critica situazione. Si teme, infatti, che da un momento all’altro possa finire in mare il contenuto degli 1,1 milioni di barili di petrolio, ovvero quattro volte la quantità di greggio rilasciata dalla petroliera Exxon Valdez ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno