· Città del Vaticano ·

Nel libro «Il mosaico della fraternità»

Diversità e connessione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 ottobre 2021
Alla voce “mosaico” il ben noto vocabolario della lingua italiana Zingarelli così recita: «Composizione decorativa di parete o pavimento, a tasselli di pietra, ceramica o vetro variamente colorati e tra loro connessi con mastice o cemento». In tale definizione del termine mosaico sono presenti due concetti molto importanti, quello della diversità e quello della connessione. Ecco perché questa parola risulta davvero adatta a comparire nel titolo di un libro che fa riferimento all’enciclica Fratelli tutti e accoglie cinque voci differenti che tuttavia vanno a comporre un quadro armonico (Antoine Courban, Luciano Floridi, Roberto Repole, Rosanna Virgili, Il mosaico della fraternità, prefazione di Corrado Lorefice, Qiqajon, 2021, pagine 122, euro 14). Nelle pagine iniziali, monsignor Lorefice, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati