· Città del Vaticano ·

Una storia millenaria di sospetti e paure

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 ottobre 2021
La Grande Muraglia cinese era raccontata come l’unico manufatto visibile dalla luna. È una leggenda, in quanto la lunghezza non le dà una misura planetaria: è un muro, che serviva a difendersi dagli invasori del nord, di altezza variabile, che comunque non supera mai gli otto metri. I suoi circa ventimila chilometri si snodano come un serpente su un territorio molto vasto, disegnando motivi geometrici che accompagnano il paesaggio. Riconosciuta patrimonio dell’umanità, non ha più nessuna funzione difensiva, però non è certamente diventata un’opera inutile: rappresenta una curiosità importante, forse quella primaria per la conoscenza della Cina e per la sua economia turistica. La richiesta da parte di dodici Paesi, quasi tutti dell’Europa dell’est, di disporre di fondi comunitari per ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno