· Città del Vaticano ·

Ispirato dal pontificato di Francesco

Un nuovo linguaggio cristiano per una società postmoderna

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 ottobre 2021
Quattro anni fa ho cominciato a impartire un corso di “cosmovisione cristiana” in una università civile italiana. Dal primo momento mi sono reso conto che non avrei potuto venire a lezione con il mio apparato concettuale teologico-dogmatico imparato nelle facoltà teologiche romane. I più di sessanta ragazzi che seguivano il mio corso erano al quinto anno di psicologia. La quasi totalità di loro erano italiani, non solo postmoderni ma anche postcristiani. Perfino quei pochi ragazzi “di chiesa” o frequentatori della pastorale universitaria avevano poco o nulla a che fare con i latinorum e i dogmi che, per contro, insegnavo alla facoltà di teologia. Un nuovo linguaggio cristiano per una società postmoderna. Ecco uno degli aspetti del pontificato di Papa Francesco che mi servivano di ispirazione per ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno