· Città del Vaticano ·

Secondo l’Oms sette milioni di persone hanno urgente bisogno di aiuti alimentari

Si aggrava la crisi in Etiopia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 ottobre 2021
Addis Abeba , 14. La vita di milioni di persone è in gioco nel nord dell’Etiopia. La crisi umanitaria peggiora di giorno in giorno a causa del sanguinoso conflitto, scoppiato da ormai quasi un anno nello Stato etiopico del Tigray, tra le forze federali e i ribelli del Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf). Gli aiuti non riescono ad arrivare ad intere aree del Paese. Lo ha ribadito il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante il suo briefing settimanale. Almeno 7 milioni di persone — ha dichiarato — necessitano urgentemente di cibo e di altri aiuti nelle regioni del Tigray, degli Amhara e degli Afar. Ghebreyesus ha quindi lanciato un nuovo appello affinché si risolva al più presto la grave crisi umanitaria. «Come etiope del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno