· Città del Vaticano ·

Il grande paradosso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 ottobre 2021
Dove va l’America Latina coi suoi muri urbani? Dove va l’Est europeo e una parte del Medio Oriente in questa richiesta di alzare ed approvare muri, al solo scopo di impedire ai flussi migratori di approdare in luoghi più sicuri per la propria esistenza? I muri anti-migranti, nel mondo, sono parecchi e spesso sono stati costruiti con motivazioni solo apparenti relative alla sicurezza per la politica interna. Nel 2013 è stato costruito quello fra Yemen e Arabia Saudita, con il motivo delle infiltrazioni terroristiche; nel 2014 quello fra Bulgaria e Turchia, lungo 30 chilometri, proprio per impedire i flussi migratori; nel 2010 quello fra Israele ed Egitto, anche contro l’immigrazione. Ancor prima uno fra lo Zimbabwe e il Botswana e negli anni Novanta il terribile muro di Tijuana, senza tralasciare quello fra India e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno