· Città del Vaticano ·

A un secolo dalla nascita di Andrea Zanzotto

La poesia è un gesto di libertà

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 ottobre 2021
Il 10 ottobre di cento anni fa nasceva Andrea Zanzotto, una delle voci poetiche più importanti della seconda metà del Novecento. Negli ultimi anni della sua vita (è venuto a mancare nel 2011, aveva 90 anni), ho avuto il privilegio di conoscerlo. Ogni estate, prima della villeggiatura in montagna, mi fermavo a Pieve di Soligo e lo andavo a trovare. Abitava in un villino immerso nel verde, alla periferia del paese. Alle spalle, come una maestosa scenografia, le montagne, intorno una straordinaria quiete. Era una persona timida ma affabile, accogliente. Ricordo che mi sentii subito a mio agio, mentre parlavamo, lui seduto alla poltrona, circondato dai giornali del mattino e un gattone nero che gli si accucciava sulle ginocchia. L’ambiente domestico era importante per Zanzotto, soprattutto quello dell’antica casa dove ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno