· Città del Vaticano ·

Il sistema gulag

13 ottobre 2021
L’orrore dei campi di lavoro correttivo Il termine gulag, abbreviazione di «Glavnoe upravlenie ispravitel’no-trudovych lagerej», ovvero Direzione principale dei campi di lavoro correttivo, apparve ufficialmente nel 1930. Comandata da un vice-commissario del popolo, questa amministrazione aveva il compito di isolare elementi sospetti e di sfruttarli come manodopera, creare nuovi campi e liquidare periodicamente alcune categorie di detenuti. Il sistema fu operativo dal 1930 fino alla fine degli anni Ottanta, con un incremento delle deportazioni nel periodo delle “grandi purghe” e durante la seconda guerra mondiale. Secondo i documenti degli archivi sovietici, fra il 1930 e il 1956 si sarebbero registrati un totale di 1.606.748 morti, dei quali 932.268 nel periodo 1941-1945. Quando Stalin morì nel 1953, circa 2 milioni e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno