· Città del Vaticano ·

Babiš non ottiene la maggioranza alle legislative

Stallo post-elettorale in Repubblica Ceca

12 ottobre 2021
Le elezioni legislative svoltesi nella Repubblica Ceca possono provocare un mutamento politico nel Paese dell’Europa centrale. Il partito liberal-conservatore Azione dei cittadini insoddisfatti (Ano 2011), guidato dal primo ministro Andrej Babiš ed accusato di autoritarismo, è giunto al primo posto ma non ha ottenuto la maggioranza dei seggi. I settantadue scranni di Ano 2011, sui duecento della Camera Bassa, non basteranno infatti ad impedire la formazione di una coalizione, già annunciata, tra l’alleanza di centro-destra Spolu, che ha ottenuto settantuno seggi, e quella formata dal Partito dei pirati e quello dei Sindaci, ferma a trentasette. Il Partito comunista e quello Socialdemocratico, ex-alleati di Babiš, non hanno superato lo sbarramento e sono fuori dal Parlamento. La destra radicale di Democrazia e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno